scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

images (26)ANTOLOGIA DELLA SPIRITUALITÀ

Francisco Candido Xavier – Dettato dallo Spirito di Maria Dolores

GRAZIE, SIGNORE

Grazie, Signore

Quando dici “no”

Alle suppliche indebite che faccio,

Attraverso la preghiera.

Molti dei doni che chiedo,

Stima, concessione, possesso, piacere

Potrebbero essere nel mio caso spine,

Lungo il sentiero che mi desti da percorrere.

Altre volte, ti imploro favori,

Tra lamenti, pianti, rumori,

Meri capricci, semplici frastuoni

Che mi fuoriescono dall’orgoglio…

Esistono privilegi che desidero

Reclamandoti il “si”

Che, se sbocciassero nella mia esistenza,

Sarebbero svantaggi contro di me.

In molte circostanze, imploro affetto,

Senza trovare compagnia da nessuna parte,

Così mi dai la solitudine per guida

Che m’ispira a cercarti.

Insegnami che sono nel luogo giusto,

Che non mi hai legato a sorpresa a nessuno

E che adesso sfrutto meglio il tempo

Per migliorarmi in tutto ciò di cui ho bisogno.

Non ascoltare le mie richieste folli

Fammi percepire

Che andrò al di là del necessario,

Se compirò il mio dovere.

Grazie, mio Dio,

Quando mi dici “no” col tuo amore,

E se ti supplico ancora qualcosa che non devo

Non mi rispondere, Signore!…

Traduzione Anna Ferrigno

Massa Critica

mar
2014
03

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità, Video

Nessun commento

 

images (3ilha)Creare la massa critica non è più una questione di sì o di no, è una questione di sopravvivenza della specie umana.

Facciamola finita con questi “ormai, ora è tarde”. Non è mai tarde, l’umanità dipende di ogni singolo essere, di ogni singola decisione, di ogni singolo istante.

La parola d’ordine è RISVEGLIO, CAMBIAMENTO, credo che ogni uno di noi lo sappia già nel suo intimo che qualcosa sta accadendo, ma non riusciamo identificare questo sentimento strano che ci pulsa dentro come una luce intermittente. Questo sentimento è il vento del cambiamento consapevole.

Senz’altro indugi o scuse, cominciamo già, con nostri amici più intimi. Poi, come una macchia d’olio se spanderà ad altri e ad antri ancora.

Lasciamo stare la midia, creiamo noi la nostra midia tra di noi, diffondiamo l’idea di benessere, e felicità, anche se ancora non si  vede.

Qui ha il potere, ha paura di queste idee, poi vuole che le cose non cambino mai, ma la nostra risposta a tutto ciò è; che l’unica cosa certa è il cambiamento, allora facciamolo come lo diciamo noi.

Per creare la massa critica non c’è bisogno di tanti sforzi o chissà che teoria esoterica o trascendente, è tutto molto più semplice e reale: invece di lagnarci dei problemi, del mondo, dell’incomprensione altrui, cominciamo noi, a dare e parlare di; AMICIZIA, DISPONIBILITÀ, TENEREZZA, GENTILEZZA, sono cose, che tutti possiamo fare e condividere tra di noi.  q5

scritto da on Chi sono, Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

images (3)

La fede cieca è il peggiore di tutti i principi! Credere con fervore a un qualunque Dogma quando la ragione si rifiuta di accettarlo come verità, significa fare atto di annullamento e privarsi volontariamente del più bello dei doni che il Creatore ha fatto. Significa rinunciare alla libertà di giudizio e al libero arbitrio che deve presiedere a tutte le cose, assieme alla giustizia e alla ragione.   Allan Kardec – `Il libro degli Spiriti`

Lo scopo di questa breve nota non è quello di rifiutare tutte le citazioni sbagliate dirette contro lo Spiritismo, né quello di svilupparne o di provarne tutti i principi, e ancor meno quello di provare a convertire alle sue idee coloro i quali professano opinioni contrarie, ma è semplicemente quello di dire in poche parole, ciò che è e ciò che non è, ciò che ammette e ciò che sconfessa.

Le sue credenze, e le sue tendenze e i suoi scopi possono essere riassunti nelle proporzioni seguenti:

1)    – L’elemento spirituale e l’elemento materiale sono due principi, le due forze vive della natura che si completano l’una con l’altra e che reagiscono incessantemente l’una sull’altra, ambedue indispensabili al funzionamento del meccanismo universale.

Dall’azione reciproca di questi due principi nascono fenomeni che nessuno dei due potrebbe, da solo, spiegare.

La scienza vera e propria ha come missione speciale lo studio delle leggi della materia.

Lo Spiritismo ha come oggetto lo studio dell’elemento spirituale visto nei suoi rapporti con l’elemento materiale, e trova nell’unione di questi due principi la ragione di un insieme di fatti fino ad ora inspiegati.

Lo Spiritismo avanza con la scienza sul terreno materiale: ammette tutte le verità che questa constata; ma dove le ricerche di questa si fermano, prosegue le sue nel campo della spiritualità.

2)    – L’elemento spirituale è uno stato attivo della natura, e i fenomeni che vi si riportano sono sottomessi a leggi, e sono dunque per questo naturali.

Alcuni fenomeni sono stati denominati sopranaturali soltanto a causa dell’ignoranza delle leggi che li regolano. Di conseguenza, lo Spiritismo non  ammette il carattere miracoloso attribuito a certi fatti, pur constatandone la realtà o la possibilità. Per lo Spiritismo non esistono miracoli  in quanto deroghe alle leggi naturali; dunque, gli spiritisti non fanno alcun miracolo, e la qualifica di taumaturghi che qualcuno attribuisce loro è impropria.10116 uomo al bivio 72_JPG

La conoscenza delle leggi che governano il principio spirituale si collega in modo diretto alla questione del passato e dell’avvenire dell’uomo. La sua vita è limitata all’esistenza attuale? Entrando in questo mondo, proviene dal nulla e vi rientra quando lo lascia? Ha già vissuto e vivrà di nuovo? Come vivrà, e in quali condizioni? In una parola: da dove viene e dove va? Perché si trova sulla Terra e perché ci soffre? Queste sono domande che ognuno si pone, perché sono per tutti di interesse capitale, e perché nessuna dottrina ne ha ancora dato una soluzione, soddisfacendo le esigenze della logica e della più rigorosa giustizia.

Lo Spiritismo non è né una concezione personale, né il risultato di un sistema preconcetto. È la risultante di migliaia di osservazioni fatte in ogni  punto dell’universo che hanno convertito verso il centro, che le ha così riunite e coordinate . Tutti i principi che lo compongono, senza alcuna eccezione, sono dedotti dall’osservazione, dall’esperienza. L’esperienza ha sempre preceduto la teoria.

Lo Spiritismo è una dottrina filosofica con conseguenze religiose, come ogni filosofia spiritualista; proprio per questo, deve rifarsi per forza alle basi fondamentali di tutte le religioni – ricollegare: Dio, l’anima e la vita futura; ma non si tratta assolutamente di una religione costituita, poiché non ha né culto, né miti, né tempio, né sacerdoti.Evolução Espiritual

Lo Spiritismo proclama la libertà di coscienza come diritto personale; e la vuole per i propri membri così come per tutti. Non prova distaccare nessuno dalle proprie convinzioni; non si rivolgi a coloro che hanno una fede che è loro sufficiente, ma a coloro i quali, non soddisfatti di ciò che è stato loro dato, cercano qualcosa di meglio.

Rispetta tutte le convinzioni sincere e chiede dunque la reciprocità nei suoi riguardi. Per questo tra le sue massime, vi è la seguente: Non esiste altra fede incrollabile se non quella che può guardare in faccia la ragione in ogni epoca dell’umanità. (Opere Postume – Allan Kardec)

 “Lo spiritismo  dunque, non solo è una potente sintesi delle leggi fisiche e morali del’universo, ma anche un mezzo di rigenerazione e di progresso. In questo universo dove esseri e cose s’incatenano e si legano in una stretta solidarietà, in una profonda e sublime armonia, non vi è posto, ne per il soprannaturale, ne per il miracololibri_c Leggi rigorose e inflessibili quanto quelle che governano la materia, reggono il mondo invisibile: per conoscerne la funzione ammirabile non vi è che un solo mezzo, quello di studiare.

Allan Kardec - Libro Degli Spiriti

Lo studio delle opere di Allan Kardec si fa fondamentale per una corretta conoscenza  della Dottrina Spiritica.

 

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

Curiosità sulla feconda produzione psicografica di Chico Xavier: 1910 – 2002

Chico Xavier fu probabilmente il più popolare medium Cartaz - Chico Xavier o Filmebrasiliano del ventesimo secolo. 

Chico Xavier ha pisicografato 468 libri, lui non ha mai detto di essere l’autore di una di queste opere, ha riprodotto solo ciò che gli spiriti li dettavano. Per questo motivo, non ha mai accettato il ricavo delle vendite dei suoi libri. Inoltre, cedeva sempre i suoi diritti d’autore alle istituzioni di carità, è stato venduto più di cinquanta milioni di copie in portoghese, con traduzioni in inglese, spagnolo, giapponese, Esperanto, Italiano, Russo, Rumeno, mandarino, svedese e Braille.

Ha150_3027-Chico Xavier psicografato  diecimila lettere circa, con dei messaggi di persone scomparse per le loro famiglie, senza ricevere nulla per questo. Queste lettere sono state convalidate per le loro famiglie e alcuni di essi sono state ammessi come prova in caso di sentenze giuridiche.

Anche avendo studiato solo fino alla quarta elementare, ha scritto circa di sei libri l’anno, tra cui, romanzi, racconti, filosofia, saggezza, apologeti, cronache, poesie ecc. Nel 2010 è stato lo scrittore più letto in America Latina.

Una delle  sue psicografie più famose, e che ha avuto ripercussioni in tutto il mondo, fu il caso di  José Divino Nunes, accusato di aver ucciso il suo migliore amico, Mauricio Henriques, è stato assolto dal giudice, che ha ammesso come prova (tra le altre che  sono stati presentati dalla difesa) una dichiarazione della vittima stessa, ora deceduto, tramite lettera psicografata dal Chico Xavier. L’evento ha avuto luogo nel mese di ottobre 1979, nella città di Goiânia,provincia  Goiás – Brasile, cosi  il presunto spirito di Mauricio avrebbe innocentato l’amico, dicendo che tutto non si passava di un incidente.

Altre lettere psicografate dal Chico Xavier sono state accettate come prove valide in altre cinque casi giuridici.

Il ricercatore della l’Università Statale di Londrina, Carlos Augusto Perandréa, per 13 anni  ha studiato scientificamente  400 lettere psicografate dal Chico Xavier in trance medianica, utilizzando le stesse tecniche che valida le firme nelle banche, nella polizia e nella giustizia, la grafologia. Carlos ha confrontato le  lettere di individui prima della morte con le lettere psicografate, arrivando alla conclusione che tutte le psicografia avevano autenticità grafica degli uccisi. Nel 1991, il ricercatore ha pubblicato i risultati di questo studio nel suo libro intitolato “A Psicografia á Luz da Grafologia“. Lo studio è stato anche pubblicato sulla  Rivista scientifica della Università di Londrina – Brasile, ” Rivista Semina” nel 1990, e ha anche presentato, in un’altra occasione, in un Congresso Nazionale, davanti a più di 500 professionisti ed esperti del settore, senza una sola obiezione.

L’ Associazione dei medici spirita di Sao Paolo, ha condotto uno studio di 45 lettere psicografiche dal Chico Xavier, che ha portato il libro “I trionfo della vita” nel 1990. Dai dati raccolti da un questionario fatto ai morti, l’associazione dei medici ha raggiunto diversi risultati, per esempio: il 100% delle famiglie ha riferito al 100% di accuratezza dei dati riportati delle lettere.

Durante la trance psicografica, il elettroencefalogrammi fatto nei Medium hanno mostrato caratteristiche comuni di epilessia, ma clinicamente Chico Xavier  non era epilettico.emman

Nel 1952, Chico psicografò 2 libri in 2 giorni: ROTEIRO( Itinerario) di Emmanuel, con 172 pagine e Padre Nostro di Meimei, con 104 pagine.

Nel 1963, Chico psicografò 2 libri in 2 giorni: Opinione Spiritista, con 204 pagine e Sesso e Destino, 360 pagine.

Il 31 marzo 1969 (data commemorativa della morte di Kardec), Chico psicografò 2 libri nello stesso giorno: Passi di Vita, con 156 pagine e Scaffale di Vita, con 184 pagine.chico-xavier2

Chico è stato definito come un fenomeno. Dei dieci migliori libri del secolo, in un sondaggio condotto dagli organi di stampa spiritiche, sette sono di Chico. Il primo posto è andato al libro Nosso Lar, la 48esima edizione, con oltre 1.200 Milheiros copie modificate e Paolo e Stefano.

Durante la sua vita, Chico Xavier preso la briga di confortare coloro che avevano perso i loro cari. E destinato a diffondere un messaggio di amore attraverso il dono della medianità, ha superato tutte le critiche e le accuse. Anche se ha scritto molti libri, Chico ha rifiutato di fare soldi con loro e tutto il reddito è stato sempre donato alle istituzioni spiritiste di assistenza ai malati, vecchi, bambini, madri single, e agli invalidi fisici e mentali. Chico ha scritto 468 libri con una stima di 50 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Essi sono stati tradotti in 33 lingue. Tutti i profitti sono stati dati alle organizzazioni caritatevoli. Ha tenuto nulla per sé, e ha sempre negato la paternità dei suoi libri. Era solo uno strumento utilizzato da spiriti, o, nelle sue parole, “il postino”.   chico-xavier

Riferimenti

Wikipedia

http://spiritualitacristica.altervista.org/chi-fu-chico-xavier-e-le-sue-varie-incarnazioni/

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

RAGIONE E NECESSITÀemman

Alle volte ci domandiamo come affrontare delle situazioni che sembrano complicate o  assurde. In questo piccolo racconto sulla vita di Francisco Candido Xavier, possiamo estrarre una grande lezione di carità cristiana.

Attraverso il suo esempio Chico ci ha tramandato tanti insegnamenti di amore. Spesso ripeteva le parole di Emmanuel:

“Non dobbiamo interrompere mai, il flusso di Amore che arriva dalla Provvidenza Divina, perché ogni volta che qualcuno ci attraversa la strada, la grande speranza della Provvidenza Divina, è che questo flusso d’Amore passe per noi e arrivi all’altro.”

Molte persone cercavano Chico Xavier sul posto di lavoro e questo gli causava dei problemi.

Una volta, una donna in avanzato stato di turbamento lo cercò al lavoro.

Il capo, che non voleva che Chico attendesse qualcuno mentre lavorava, disse alla signora che lui era a casa.

Allora, lei lo cercò, là fu informata che Chico stava lavorando.

Ancora una volta tornò al lavoro e gli dissero che il nostro amico era appena uscito.

Lei mormorò un’imprecazione e si allontanò.

Di notte, quando le porte del Centro Spirita si aprirono per i lavori abituali, la signora avanzò verso Chico e gli dette diversi schiaffi in faccia.

Quando finì di sfogarsi,  gli parlò con voce nervosa e tremante :

- “Lei pensa che io ho tempo da perdere per di inseguirla su e giù per tutta la città?  Adesso vada nell’altra stanza e mi somministri un passi. … Cane che non sei altro!.”

Poi si sedette su una sedia e aspettò.

Chico pensò: “ Signore Gesù, per trasmettere un passe devo essere calmo, con un cuore verso l’amore al prossimo.  Signore, Tu che conosce tutte le cose, sa che io non sono arrabbiato, ma questa donna mi ha lasciato in uno stato alterato. Aiutami Signore!”

Così lo spirito di Emmanuel gli apparve e disse:

- “Per aiutarla è necessario raggiungere il suo cuore.  Parli con lei.”

E Chico, si girò verso la sorella perturbata e disse:

- “Sorella mia, mi perdoni, perché sono una persona tanto impegnata. Non ho potuto rispondere sul lavoro perché il mio capo non consente. Lei comprende… sono lì per servire la società, che mi paga… Non posso perdere questo lavoro perché ho ​​molti fratelli d’aiutare.”

E continuò a parlare… parlare, la signora si calmò e iniziò a piangere.

Chico allora gli somministrò il passi e alla donna fu restituita la ragione.

Dopo che se ne andò, il medium chiese allo spirito di Emmanuel:

- “Emmanuel, io non ho ragione?”

La risposta fu questo gioiello di carità cristiana:

- “Tu avevi ragione, ma lei aveva necessità.

Il giorno seguente, quando Chico arrivò sul posto di lavoro con il viso tutto gonfio, il suo capo chiese cosa era successo.

- “Mi sono sbattuto sulla porta, disse Chico.”

Il suo capo lo guardò sopra gli occhiali e gli chiese ancora:

- “… Ma dai due lati?”

( Tratto dal libro ” Chico , Francisco” – Adelino da Silveira )

AIUTI SEMPRE

dic
2013
11

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

plant-a-pledge-1545 - Copia

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità, Video

Nessun commento

Regina Zanella spiega lo Spiritismo

Cliccate sopra e vedete il video.

Dove va l’anima dopo la morte del corpo fisico? C’è lo spiega la giornalista Regina Zanella in una puntata di Mistero..

Molta ignoranza circonda l’universo dello spiritismo e la sua pratica: in realtà lo spiritismo non è altro che una dottrina filosofica basata sulla credenza in Dio, sulla reincarnazione, sulla vita in altri mondi e sulla carità. Proprio come il Cristianesimo. Anzi, lo Spiritismo si potrebbe definire come «rivisitazione» del Cristianesimo in chiave moderna. Con la differenza che non ha sacerdoti, altari, immagini, sacramenti, concessioni d`indulgenza o qualsiasi altra forma di culto esteriore. Un «Cristianesimo redivivo» lo definisce Regina Zanella del gruppo `Sentieri dello Spirito` di Milano, quello del tempo del Cristo dove la reincarnazione non costituiva un tabù, la comunicazione con i trapassati era un fatto e non un allusione, la predicazione era fatta in ogni luogo in modo semplice senza la necessità di templi e sfarzi, la fraternità non era una parola ma un modo di vivere e concepire la vita, e che fuori dalla carità non vi era salvezza.

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

 

1380201_733467646666931_1655932314_nLa versione presente nel lezionario pubblicato nel dicembre 2007 dalla Conferenza Episcopale Italiana, ispirandosi a quello che poteva essere un originale aramaico, propone la traduzione «non abbandonarci alla tentazione». Alcuni vangeli apocrifi hanno un’altra forma per la frase in questione, argomentando implicitamente che Dio non può tentare i suoi fedeli.

Non ci indurre (inducas)in tentazione: Le traduzioni nelle varie lingue moderne non sempre rendono al meglio il significato originale di questa richiesta; in particolare la parola italiana “indurre” è un calco fedele del latino inducas,a sua volta traduzione del greco. La frase probabilmente va interpretata come:«Non permettere che cadiamo quando siamo tentati»: la preghiera chiederebbe dunque la forza necessaria per vincere la tentazione, piuttosto che di essere esentati dalla prova che, oltre tutto, giungerebbe da Dio stesso.

Tuttavia il latino in-ducas eil greco eis-enenkes riflettono anche un aspetto peculiare della teologia biblica, in cui l’affermazione della unicità di Dio e della sua azione nel mondo porta alla drammatica consapevolezza che sia Dio stesso a”condurre” il credente “dentro nella prova” (come è narrato, per esempio, nel libro do Giobbe).

Liberaci dal male:Sia il latino malo (ablativo), sia il greco ponerou (genitivo),non permettono di distinguere se si tratti di un sostantivo neutro (che si riferisca al “male” come concetto astratto) o maschile (il”maligno”, cioè il tentatore, il diavolo, satana). Entrambe le interpretazioni rimangono, dunque, legittime.

“Il Padre Nostro è senza dubbio il modello più perfetto di preghiera che può essere concepito.” Discorso della Montagna, Rodolfo Calligaris

“… questa preghiera riassume tutti i doveri dell’uomo con Dio, con se stesso e con gli altri.” Allan Kardec

79bd66b9-783a-43e8-8b27-bd6a663b5c51

Padre nostro, che sei nei cieli,

sia santificato il tuo nome,

venga il tuo regno,

sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,

rimetti a noi i nostri debiti

come noi li rimettiamo ai nostri debitori,

e non lasciarci indurre in tentazione ,[1]

ma liberaci dal male.

Amen.



[1] ^ Nella versione della Bibbia della Conferenza Episcopale Italiana, 2008, “e non ci abbandonare alla tentazione”

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

anima-quantistica1

Molti di noi, a buona ragione, temono la morte. Noi crediamo nella morte perché così ci è stato detto: “noi moriremo”!

Siccome identifichiamo la nostra persona con il corpo, e sappiamo che gli organismi biologici sono destinati a morire, ci siamo sempre più convinti che la morte del corpo sia anche la fine della nostra coscienza.

Continue reading “La morte non esiste! Il biocentrismo quantico del dott. Lanza e altri…” »

IL GIUDIZIO MINORE

set
2013
30

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

IL GIUDIZIO MINOREdfs

Non dimenticare che, prima ancora del Giudizio Maggiore che colpisce le civiltà, capovolgendo spesso, con spargimento di sangue e lacrime, il destino delle nazioni e dei popoli, usufruiamo tutti, grazie alla Misericordia Divina, del privilegio del Giudizio Minore, alle cui decisioni ogni giorno ci esponiamo.

Ci riferiamo alla rinascita nella vita fisica, con la prerogativa di riepilogare e imparare di nuovo.

Là, dentro i cerchi della reincarnazione, ci ritroviamo nuovamente di fronte all’esperienza, per correggere i nostri errori.

Proprio per questa ragione, nella maggioranza dei casi la nostra culla, sul Piano Fisico, sorge nel campo dei nostri avversari, affinché ci si trovi a dover rincontrare nei legami consanguinei i nostri creditori del passato per il saldo dei debiti che ci pesano sulla coscienza.karma1

In questa fase del travaglio, la Terra, con il corpo che ci imprigiona, assume l’aspetto di tribunale, entro le cui mura siamo provvisoriamente trattenuti per cercare attenuanti alle nostre colpe, quando non ci sia possibile estinguerle del tutto, al prezzo di abnegazione e sacrificio.

I nostri avversari assumono le funzioni del pubblico ministero che ci accusa, e i nostri benefattori si elevano alla condizione di nostri avvocati difensori, guidandoci al riscatto e alla riabilitazione chiara e giusta.giudizioL’incessante operare nel bene è tuttavia l’unica forza capace di modificare l’animo dei nostri accusatori e di fortificare la buona disposizione di coloro che ci difendono.Come-fare-la-Presa-di-Coscienza-di-Sè-www.RicchezzaVera.com_

Ecco perché, nel Giudizio Minore al quale ci sottoponiamo nella nostra posizione di incarnati, conviene ricordare la preziosità del tempo, quale fattore di soccorso alle nostre necessità, utilizzandolo integralmente per la semina dell’amore e della luce affinché le nostre opere parlino per noi davanti alla Giustizia Divina, sciogliendoci, infine, dalle catene che portiamo dal passato per la nostra liberazione nel domani.

(Francisco Candido Xavier-Emmanuel – Nascere e Rinascere)

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

298917_511043395606376_1050745299_n

Messaggio di riflessione  –  Chico Xavier

Spiriti Eterni, ci troviamo oggi, nel punto esatto dell’evoluzione, a cui ci siamo preparati con le risorse più adeguate alla soluzione dei nostri problemi e compiti; secondo gli impegni che abbiamo abbracciato, sia nel campo del progresso necessario sia nella sfera delle provazioni rettificatrici.

Ci troviamo con i migliori familiari e con i migliori compagni che la Legge del Merito ci attribuisce. In vista di ciò, siamo convinti che la base della nostra tranquillità risieda nell’integrità della coscienza. Comprendiamo che tutti gli affetti problematici sul nostro sentiero di oggi, costituiscono debiti di altre vite, che ci compete risarcire; e che tutte le facilità della vita, che arricchiscono la nostra strada, sono strumenti che il Signore ci ha prestato affinché li utilizzassimo secondo la nostra propria volontà nell’edificazione di una più ampia felicità futura.

Comprendiamo che la vita ci restituisce sempre quello che gli diamo.

In possesso di simili istruzioni, valorizziamo il Tempo, affinché il Tempo ci valorizzi. Restiamo in equilibrio senza sembrare quello che non siamo in materia di elevazione, perché riconosciamo la necessità di perfezionarci costantemente.

Se sbagliamo, siamo risoluti nel correggere, agendo con sincerità e lavorando fedelmente per questo.

Io… noi… tutti… siamo pur certi che per la Divina Provvidenza abbiamo infinite possibilità di recupero, perfezionamento, azione e ascensione; e che dipende solamente da noi stessi migliorare o aggravare, illuminare o scurire, le sfide che troviamo sul nostro cammino.1465292754_c0960973ed

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

Abbiamo l’onore di presentare al pubblico italiano un’opera straordinaria, in bellezza e Amore. È il libro Paolo e Stefano, psicografato da Francisco Candido Xavier, conosciuto come Chico Xavier,  per lo spirito del benefattore Emmanuel. Sono episodi storici della vita di questi due Apostoli dello Amore, del Lavoro, della Speranza e del Perdono, ambientato nel mondo del primo secolo del Cristianesimo primitivo. FERGS-Paulo-e-Estevao01 - Copia

Vogliamo farvi partecipare con noi passo a passo in questo lavoro. Stiamo traducendo da aprile e ora che siamo alle ultime pagine, non riusciamo a trattenerci da cominciare a divulgarlo, per lo meno un poco alla volta.

Noi che abbiamo avuto contatto quasi giornaliere con la storia, possiamo garantire che da ogni frase ne usciva una lezione di vita. Tutto ciò ci ha cambiato inesorabilmente per sempre.

paulo eA rispetto dell’opera parla João Romário, del Portal Ser. …“Lavoro medianico firmato dallo Spirito Emmanuel, Paolo e Stefano è il terzo romanzo storico psicografato da Francisco Cândido Xavier, lanciato nel 1942 dalla Federazione Spiritica Brasiliana, attualmente con più di 420.000 copie in circolazione. …Non solo si tratta di un capolavoro di autore spirituale, sviluppato in stile forte, raffinato e coinvolgente, ma perché scritto in un modo unico, che amplia la nostra comprensione delle sfide dei pioniere cristiani descritti da Luca negli Atti degli Apostoli. …Paolo e Stefano è un pezzo letterario di valore estetico innegabile; è la raccolta di lezioni di Vita Eterna per l’anima in lotte per redimersi sulla Terra, ed è ancora, una prova della immortalità dell’anima. …Questo perché, quando raffigura le terribili lotte affrontate dai primi collaboratori di Gesù, la guida spirituale di Chico Xavier anticipa di decenni la storiografia tradizionale, le date, scenari, eventi e costumi del tempo fino ad allora ignorato dagli esperti nel campo della ricerca biblica , teologica e archeologica.”

download (2)Già nella introduzione, Emmanuel ci invita a fare un viaggio nel tempo storico di Gesù. E ci raccomanda di non giudicare affrettatamente, solo sulle basi delle nostre conoscenze intellettuali, e di andare oltre la Parola:  Continue reading “Paolo e Stefano – Episodi storici del Cristianesimo Primitivo – Introduzione” »

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

 

Cristianesimo redivivo

Storia dell’età apostolica

(Sec. I) – Parte I

Haroldo Dutra Dias

“Non possiamo conoscere il vero Gesù solo attraverso la ricerca storica, che si tratti della sua realtà totale o solo un quadro biografico ragionevolmente completo. Tuttavia possiamo conoscere il ‘Gesù storico’. Per Gesù storico, mi riferisco al Gesù che siamo in grado di ‘riscattare’ ed esaminare attraverso l’utilizzo degli strumenti scientifici della moderna ricerca “(1)

 

c6

A Dallas Theological Seminary (Texas, USA), nel maggio 1965, Harold W. Hoehner ha difeso la sua tesi di dottorato sulla cronologia dell’età apostolica. Il suo lavoro era in contraddizione con la posizione degli studiosi eruditi e rispettati del suo tempo, lui proponeva una rilettura completa delle fonti storiche sul tema. Attraverso la creazione di una nuova cronologia per il primo secolo del cristianesimo, l’autore ha sottolineato la necessità di rivedere tutti i risultati degli studiosi che lo hanno preceduto. La tesi di Hoehner è stata timidamente accettata nei circoli accademici, al punto di ricevere il nome di “cronologia alternativa”. Ora, tuttavia, passati diversi anni, vari ricercatori hanno confermato le proposte del professore americano, assimilando molte delle sue idee. 

Srprendentemente, in un’attenta lettura dei romanzi psicografati da Francisco Candido Xavier possiamo osservare un fatto insolito: le date stabilite dallo Spirito di Emmanuel, in queste opere sono spesso, identiche a quell’abbracciata da Harold Hoehner. A titolo di esempio si possono citare tre episodi della vita di Cristo: la sua nascita (anno 5 a.C.), l’inizio del suo ministero (anno 30d.C.) e la crocifissione (33 d.C.), il tutto si è verificato, secondo questi due autori, nelle date qui sopra, specificate. Con queste informazioni possiamo affermare che Gesù fu crocefisso a 38 anni![2]

Continue reading “Cristianesimo redivivo – Storia dell’età apostolica” »

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

 

biblia-sagrada_2844_1600x12001-perché e per che cosa  studiare il Vangelo alla luce della dottrina Spiritista.

“Il Vangelo è il sole dell’immortalità che lo spiritismo riflette, con saggezza, per l’attualità del mondo” (Emmanuel.)

Ora, se Gesù è la nostra guida e modello, e nessuno vada al padre se non attraverso di lui, riteniamo obbligatorio per tutti gli spiritualisti, lo studio del Vangelo, che è dove si trova tutta la Legge Morale portata da Lui. Inoltre, quando  ha indicato il Consolatore, egli aveva avvertito: “La parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui v’insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto. (Giovanni,14.26).

 2 – Introduzione al nuovo testamento.

“Il Vangelo non è solo un libro, ma il codice di principi morali dell’universo, adattabile a tutte le nazioni, a tutte le comunità, tutte le razze e tutte le creature, perché rappresenta, soprattutto, la carta di condotta per l’ascensione della coscienza all’immortalità.” (André Luiz – “meccanismi di medianità”, cap. XXVI.)

L’obiettivo principale di questo testo è chiarire principalmente due punti:

a.    Insegnare e chiarire i dubbi riguardo alla pratica del Vangelo in famiglia, mostrando l’importanza di questa abitudine per raggiungere l’equilibrio e il benessere in casa nostra, insieme ai nostri cari.

b. Attendere alle richieste del Mondo Spirituale che richiede nuove fonti di sostentamento della Terra, per rinnovare l’energia quando gli spiriti sono in missione di soccorso, giacché la casa nel momento del Vangelo si trasforma in punto di luce dove i Mentori Spirituali vi trovano le risorse necessarie per provvedere ai fratelli che ne hanno la necessità.ìì

Il sole interiore comincia a sorgere proprio fra le mura domestiche dove viviamo.

 

Secondo Andrè Luiz, il Vangelo o Buona Novella è il codice dei principi morali dell’Universo adattabili a tutte le Patrie, a tutte le razze, a tutte le comunità e a tutte le creature, ossia, sono gli insegnamenti delle Leggi e la filosofia che Gesù ci mostrò, per trovare la felicità dentro di noi, e insieme alle persone che ci circondano. E’ la legge dell’evoluzione del cammino fino al Padre Creatore.

La pratica del Vangelo in famiglia ci porta protezione e, innanzi tutto, la purificazione dell’ambiente di casa nostra, avvolgendoci, tutti quanti, con fluidi energetici restauratori ed equilibranti che ci daranno la forza di effettuare la nostra trasformazione intima. “Tutte le case che praticano il Vangelo creano vere pareti spirituali che attraverso le vibrazioni positive isolano la casa dall’atmosfera pesante e negativa di tutta la crosta, permettendo, in tal modo, di fare entrare nell’ambiente solamente spiriti autorizzati.”il-vangelo-secondo-lo-spiritismo

Perché utilizzare il Vangelo  Secondo lo Spiritismo? Perché questa Opera racchiude in sé Il Nuovo Testamento, rivisto nella sua parte morale attraverso le istruzioni date dagli Spiriti Superiori ad Allan Kardec, attraverso i Medium. Ma si può usare anche il Testo del Vangelo Cattolico, se si preferisce.

Preghiera iniziale.

a – Dare inizio alla riunione con una preghiera semplice, breve e spontanea cercando di metterci in contatto con il nostro Io e con la figura del Maestro. La preghiera può essere proferita da uno dei partecipanti o da noi, avendo cura che più che le parole, hanno valore i sentimenti.

—b – Lettura metodica e sequenziale di un piccolo brano del Vangelo.

c –  Commenti brevi sul brano letto, cercando sempre l’essenza degli insegnamenti di Gesù, per la loro applicazione nella vita quotidiana.

d –  Evitare di deviare i commenti su argomenti estranei al tema scelto, ed evitare anche di polemizzare e discutere su temi vari.

La Leggi di dio è scritta dentro di noi, non siamo nati sprovveduti. Dio non ci ha mai abbandonato alla nostra propria sorte. ist2_1279413_post_it

LIBERO ARBITRIO

apr
2013
09

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

1465292754_c0960973ed

Per la Dottrina Spirita non esiste destino, non esiste predestinazione, non esiste la fortuna o il caso. Il futuro si costruisce ogni giorno. Attraverso i pensieri e le azioni. Lo spirito quando sceglie il gruppo cultuale che per reincarnarsi, determina i percorsi futuri, esercitando una importante funzione dell’ essere intelligente:  il libero arbitrio.

L’evoluzione è il fondamento della vita e avviene attraverso l’acquisizione di conoscenze in tutte le sue forme: tecnica, affettiva, emotiva, morale, filosofica, scientifica e religiosa.

Lo spirito  acquisisce nuove conoscenze attraverso la convivenza e le esperienze accumulate nel corso della sua vita vissuta tanto nel polisistema  spirituale che materiale.

Con l’aggiunta di nuove conoscenze, l’ essere cambia la visione che ha di se stessi, degli altri, del mondo e di Dio, come conseguenza, amplia la sua coscienza e si evolve. La conoscenza e il comportamento che derivano dalle sfide affrontate, delimitano il proprio percorso per ogni essere intelligente.

Secondo le sue scelte, lo spirito, ha esperienze diverse e, di conseguenza, competenze diverse, cosa che crea una propria sequenza, tipica di quella  individualità.

Nel costruire il profilo che caratterizza ciascuno, come spirito unico (intelligenza, affetto, sentimento, il valore, la coscienza) la libertà di scelta o l’esercizio del libero arbitrio, è ciò che permette all’essere intelligente, il raggiungimento degli obiettivi della sua vita.

486063_377462985682372_1125520071_n

L’insieme del sapere accumulato dallo spirito durante la sua esperienza determinano, in proporzione diverse, la capacità di comprensione, e  costruzione del suo cammino. La consapevolezza che lo spirito acquisisce, gli permette di risolvere le varie situazioni della vita, entro i limiti di ciò che ha già appreso. Quando le situazioni costituiscono una difficoltà nel gruppo,  la sua risoluzione contribuisce a coloro che vivono con lo spirito, di raggiungere anche la conoscenza che egli domina. Tuttavia, poiché le esperienze sono limitate, lo è anche lo Spirito. Le difficoltà a superare alcune situazioni, indicano le limitazioni dello spirito.

Le soluzione, o la conoscenza in grado di risolvere le difficoltà, tuttavia, non è pronta o a portata de mano, è da costruire, deve essere su misura per le caratteristiche uniche della situazione e delle persone coinvolte. La costruzione della risposta, è fatta sulla base delle esperienze personali dello spirito o degli altri spiriti, incarnati o disincarnati. È la libertà di scelta che determina quali tipi di conoscenza, sia il migliore per una determinata situazione, la qualità e la quantità, delle risposte saranno equilibrate in relazione alle informazioni che sono già state apprese.

Tra i concetti fondamentali che costituiscono il nucleo dello spiritismo, il libero arbitrio è il più grande aspetto della legge che sostiene lo sviluppo dell’universo intelligente. Il libero arbitrio è l’azione dello spirito entro i limiti della sua conoscenza, e sarà responsabile nella misura della sua comprensione.  A nessuno sarà richiesto di più di quello che possiedi.

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

images (10)

La visione Spirita della Pasqua

Si dovrebbe celebrare la Pasqua? Che tipo di celebrazione, evento o omaggio è consentita nelle istituzioni Spirita? Come lo spiritismo vede l’evento della passione, crocifissione, morte e risurrezione di Gesù?

In generale le istituzioni spirita non celebrano la Pasqua o programmano situazioni specifiche per enfatizzare la ricorrenza, così come nelle altre religioni o filosofie “cristiane”. Tuttavia il senso di religiosità, proprio di ogni essere-Spirituale, è per la Dottrina Spirita rispettato di modo che qualsiasi manifestazione personale o collettiva di Pasqua non sia vietata né scoraggiata.

Quel che è certo è che la figura di Gesù assume una posizione privilegiata all’interno dell’ambiente spirita, perché la morale di Gesù è la base per la morale dello spiritismo. Perciò non c’è, nulla di male in festeggiare la Pasqua.

c6

Così come le persone nella nostra cultura, nelle date principali della loro esistenza corporea (nascita e morte), sono ricordate per quello che hanno realizzato o per gli affetti trasmessi, la pasqua è un modo per ricordare Cristo, nostro Modello di Vita.

Continue reading “LA VISIONE SPIRITA DELLA PASQUA” »

scritto da on Spiritualità

Nessun commento

 

 

PAPA SE DIMETTE COSA SIGNIFICA ?imagepaps

Cari amici fraterni in evoluzione,

Questa notizia della rinuncia del Papa, è a dire poco straordinaria non perché è Ratzinger, ma perche la chiesa come ”diretta” discendente di Cristo non potevano restare immune ai cambiamenti avvenutosi in questo Pianeta ed eco, la prova. Qualcosa a questo livello doveva accadere.

Adesso è compito nostro di fare la massa critica nei pensieri e nella preghiera, tutti insieme per che il cambiamento sia quello annunziato da Gesù;  ossia, la vera messa in opera del suo Vangelo, senza Dogmi, Politica Ecclesiastica, interessi personali e altro.

Adesso è ora di essere veri Apostoli non solo il clero ma anche ogni uno di noi, la sfera Spirituale si sta muovendo per questo cambiamento e noi dobbiamo fare la nostra parte.download

PERCIO’ USIAMO IL POTERE DELLA NOSTRA INTENZIONE E FACCIAMO PENSIERI CHE QUALUNQUE PERSONA SIA SCELTA PER SOSTITUIRE RATZINGER SARA’ QUELLA GIUSTA  PER I CAMBIAMENTI DELLA NUOVA ERA!

Amici vi rendete conto che stiamo assistendo tutto ciò? Nel Futuro diremo io c’ero ed io aiutato nel cambiamento!images (14)

 

 

 

scritto da on Spiritualità

Nessun commento

486063_377462985682372_1125520071_n

Dichiarazione di Principi

della Scienza della Mente

 del Dott. Ernest Holmes

Crediamo in Dio, lo Spirito vivente onnipotente; una causa indistruttibile, assoluta e auto-esistente. Quest’Una si manifesta nella e per tutta la creazione ma non e’ assorbita dalla sua creazione. L’universo manifesto e’ il corpo di Dio; e’ il risultato logico e necessario della sapienza infinita di Dio.

Crediamo nella incarnazione dello Spirito in tutte le persone e che tutte le persone sono incarnazioni dello Spirito.

Crediamo nell’eternità, l’immortalità, e la continuità dell’anima individuale, per sempre in espansione.

Crediamo che il cielo e’ dentro di noi e che lo sperimentiamo fino a quanto che ne siamo coscienti.

Crediamo che lo scopo finale della vita e’ una emancipazione completa da ogni discordia di tutti i generi e che questo scopo sicuramente sarà raggiunto da tutti.

Crediamo nell’Unita’ di tutta la vita, e che il Dio supremo e il Dio più interiore e’ un Dio solo.

Crediamo che Dio e’ personale a tutti, che sentono la Presenza interna.

Crediamo nella rivelazione diretta della Verità per la natura intuitiva e spirituale dell’individuo, e che ogni persona che vive in contatto intimo di Dio all’interno può diventare un rivelatore della Verità.

Crediamo che lo Spirito Universale, che e’ Dio, opera attraverso la Mente Universale, che e’ la Legge di Dio, e che siamo circondati dalla Mente Creativa che riceve l’impressione diretta del nostro pensiero e agisce su di esso.

Crediamo nella guarigione dei malati per il potere di questa Mente.

Crediamo nel controllo delle condizioni attraverso il potere di questa Mente.

Crediamo nella Bontà eterna, l’Amore eterno, e’ nel nostro Dare di Vita a tutti.

Crediamo nella nostra anima, nel nostro spirito, e nel nostro destino, perché capiamo che la vita di tutti è Dio.

Questo articolo può essere diffuso liberamente, purché in maniera integrale, per uso non commerciale, e citando sempre la fonte, compreso questo testo.  http://scienzanewthought.wordpress.com/

 

 

TORNARE A CASA

gen
2013
15

scritto da on Dottrina Spirita, Spiritualità

Nessun commento

Morire è tornare a casa.

Immagine1Quando la morte arriva con il suo bagaglio di misteri porta con se tante domande divergenti.In fin de conti, quando gli occhi se chiudono alla luce il cuore si acquieta e la respirazione cessa. È tutto finito? L’essenza umana se ne è andata con il corpo?

I materialisti non credono nella continuazione della vita al di fuori della fisicità. Gli spiritualisti credono e dicono che la vita prosegue oltre la morte fisica.

Gli spiritualisti hanno ragione. Esiste vita dopo la morte; vita piena, ricca, appassionante, piena di esperienze e nuove sensazioni.

Basta un sguardo  all’essere amato nel suo letto di morte per vedere che manca qualcosa, l’anima non è più lì.  Lì c’è solo il corpo, come una veste, manca lo Spirito che l’indossava.

Lo Spirito adesso è in un altro posto dove le leggi che prevalgono sono quelle create da Dio.

morte_verbena5 Continue reading “TORNARE A CASA” »

scritto da on Spiritualità

Nessun commento

Filosofia spiritista: un mondo senza frontiere
Scienza, Filosofia, Spiritualità – Un Nuovo Paradigma per l’Uomo del Futuro

Pedro Aloise è Economista, master in Ingegneria di Produzione per l’Università Federale dell’Amazzonia e Professore presso la Facoltà La Salle.
- Fondatore ed ex-presidente del Centro Spiritico “Lar Assistencial de Ismael”; Oratore; Dirigente di studi del Vangelo; Dirigente di riunioni medianiche; Collaboratore del Passe; collaboratore nel lavoro di assistenza presso: famiglie, lebbrosi, senza casa, alcolisti, favelle;
- Collaboratore nell’area di attività Medianiche della Federazione Spiritista dell’Amazzonia.

scritto da on Spiritualità

Nessun commento

La fine del mondo non esiste.
Di tanto in tanto appaiono delle notizie mirabolanti basate su delle supposte “constatazioni “ astrologiche, scoperte archeologiche e allineamenti planetari, che indicano l’ora e il giorno della fine del mondo. Al di là della mancanza di prove , dal fragile supporto scientifico, la semplice divulgazione sui media già è sufficiente per provocare una notevole agitazione in una parte della umanità.
Il dubbio che s’installa nella mente di determinate persone, prive di analisi critica, è sufficiente all’ oscuramento della loro coscienza lasciandosi trascinare per queste teorie senza senso.
Si contano a dozzine le previsioni della “fine dei tempi” che l’umanità ha già superato senza che niente sia successo (tanto è vero che siamo qui a fare questa riflessione ). Ogni tanto nuove date per l’Armageddon sono fissate portando gl’incauti alla paura.
In alcuni paesi queste notizie sono motivi di preoccupazione per il governo nella misura in cui      una moltitudine di  persone  prendono sul serio queste previsioni, o peggio ancora, li usano come alibi per commettere atti estremi dando inizio ad una ondata di violenze, suicidi, omicidi ed altro.

NON ESISTE NESSUNO INDIZIO CHE STIA PER ACCADERE L’ESTINZIONE DELLA VITA SULLA TERRA.


È necessario che le persone spiritualizzate o le persone di bene in un modo generale, prendono posizione con fermezza affinché non siano alimentati queste dicerie e credenze assurde, che non portano benefici a nessuno, anzi possono dare adito a tragedie che potrebbero essere evitate.
La Filosofia Spirita non contempla nessun tipo di catastrofismo e nemmeno sostiene l’idea, improbabile e senza prove concrete, dell’interruzione brusca della vita e della esistenza della umanità sulla Terra.
Comprendiamo che le Leggi di Dio – principalmente quelle della Giustizia, del Progresso e della Conservazione – sono così armoniche e ordinate tra di loro, che non esiste spazio per un cataclisma cosmico, o disastro naturale ,in larga scala sul nostro pianeta ,capace di togliere bruscamente in un così corto spazio di tempo tutta la vita qui esistente.
Esiste una Legge di Regolarità Universale che regge  la struttura e la funzione della vita in tutto l’Universo mediante la quale tutti i sistemi viventi si interagiscono e si completano perfettamente, in forma equilibrata e dinamica.
Siamo sicuri che le trasformazioni e la successione dei diversi cicli si sviluppano in forma lenta e graduale , con  evoluzione di continuità senza nessuna soluzione brusca .
Difendiamo la tesi che qualsiasi trasformazione effettiva deve necessariamente verificarsi dal  di  dentro verso l’esterno. Non c’è senso che se si deve aspettare una determinata data o un avvenimento esterno  , come in un passaggio  di magia, si possa pensare che  tutto muta e le coscienze si trasformino .
Infine intendiamo che l’atteggiamento  delle persone di bene, specialmente quelle che sono capaci di comprendere l’esistenza, a partire da un lato spirituale, è sempre di serenità , equilibrio e giudizio critico, non lasciando spazio alla disperazione, dubbi e superstizione.
Adesso più che mai è momento di orazione. Ora in Azione. Mettere la nostra mente al servizio di Dio per aiutare i nostri fratelli che si trovano nella confusione e nella paura.

scritto da on Dottrina Spirita

Nessun commento

“Nascere, morire, rinascere ancora per progredire sempre. Tale è la legge”.

“Se noi e tanti altri abbiamo adottato la teoria della pluralità delle esistenze, non è già perché essa ci viene dagli Spiriti, ma perché ci è sembrata la più logica, e perché solo essa risolve tanti quesiti prima d’ora insolubili. Anche se ce l’avesse insegnata un semplice uomo come noi, l’avremmo accettata ugualmente, senza esitare un minuto, l’avremmo respinta, quantunque insegnata dagli Spiriti, se ci fosse sembrata contraria alla ragione, poiché sappiamo per esperienza che non bisogna accettare alla cieca tutto quello che ci viene da loro, come tutto quello che ci viene dagli uomini. Agli occhi nostri, la teoria della reincarnazione ha dei titoli di sommo rilievo; prima quello di essere strettamente logica, e poi quello di essere confermata dai fatti, positivi e incontrastabili, che uno studio attento e ragionato può fornire a chiunque si dia la pena di osservare con pazienza, e di fronte ai quali non è più possibile il dubbio.”1

L’uomo va costruendo se stesso nel correre delle molteplici vite, in un progetto di educazione trascendente. Questa è la visione cosmica che lo Spiritismo propone. Una educazione non solo del qui e ora, ma del qui e oltre, all’infinito.

La reincarnazione è il processo dove lo spirito, strutturato in un corpo fisico, ritorna periodicamente al polisistema materiale 2 Continue reading “REINCARNAZIONE O PLURALITA’ DELLE ESISTENZE” »

scritto da on Spiritualità, Video

Nessun commento

 Reportage dei fratelli Roberto e Nicola Allegri

                            

Molte vicende della vita non hanno spiegazioni razionali, ma noi stiamo con il grande psicanalista Carl Jung che affermava: “Non commetterò il tipico errore di considerare una frode tutto ciò che non sono in grado di spiegare” – Incontriamo il professor brasiliano Sergio Felipe Oliveira, psichiatra.

Il professor Sergio Felipe Oliveira, neuro scienziato, psichiatra, direttore clinico del Pineal Mind-Health Institute” e docente presso l’Università di San Paolo USB, cioè una delle più prestigiose del suo Paese, è tutto tranne che un classico “barone della medicina”. Umile, semplice, disponibile, vestito in maniera casual, con un paio di comode ciabatte ai piedi e la circonferenza vita di chi ama la buona cucina. Un sorriso contagioso e uno sguardo vispo e allegro. Assomiglia più al conduttore di uno show per bambini che ad uno scienziato ma l’apparenza inganna: il professor Felipe è uno dei medici più considerati in Brasile. E le sue ricerche sono rivoluzionarie. Ha presentato i risultati del suo ultimo lavoro a Londra, al “II° Congresso Britannico di Medicina e Spiritualità”, ottenendo un interesse e un successo enormi.

Continue reading “La ghiandola pineale – “L’ANTENNA” CEREBRALE PER COMUNICARE CON L’ALDILA’” »